• Dom. Dic 5th, 2021

"ANIME di CARTA" di Emanuela Petroni

per info 320 221 74 20 (WhatsApp) – ciaddsrl@gmail.com

Previsioni per i vivi nel giorno dei Morti

DiAccadueo

Nov 8, 2021
critico-d-arte-paolo-battaglia-la-terra-borgese

Previsioni per i vivi nel giorno dei Morti

Nel giorno dei Morti hanno forse deciso di seppellirci vivi? Dopo una lunga pausa di riflessione sono tornata a esprimere in righe le mie opinioni personali delle quali mi assumo ogni responsabilità. Sono una scrittrice e voglio vedere se la fantascienza a volte viene superata dalla realtà.  

critico-d-arte-paolo-battaglia-la-terra-borgese

La probabilità è alta, visto che dal G20 appena concluso nulla già si prospettava di buono. Vi traspariva un altro atto “dittatoriale” dal sorrisetto diabolico del tanto amato esecutore della finanza mondiale, il costui Draghi. L’articolo primo della costituzione italiana ricorda “vagamente” che l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro ma per poterti tenere quel lavoro ti devi fare il famigerato costosissimo tampone di 15 euro ogni 48 ore, (questo prezzo esiste solo in Italia) oppure se non ti permetti di spendere quei soldi ti fai il vaccino gratis (pagato dallo stato italiano quasi 3 miliardi di euro con i soldi dei contribuenti), che non è obbligatorio a loro dire ma se lo fai rientri nel pieno possesso dei tuoi diritti costituzionali, però se non lo fai torni al tampone e se anche quello non ti convince, perdi tutti i diritti costituzionali, il lavoro e perché no, anche qualcosina dei diritti umani. Ma tranquilli, esiste l’articolo 953/2021 UE che garantisce la non discriminazione di chi non si può vaccinare o di chi ha scelto di non vaccinarsi ma… non in Italia dove i governanti abusivi che stanno attuando da tempo una sorta di coercizione sanitaria hanno deciso che si, l’Italia è nella UE ma vista la fame di potere e il delirio di onnipotenza, si sentono giustificati di agire autonomamente. A questo punto che sorpresina ci hanno preparato? La tanto attesa fine dello stato di emergenza annunciato con tanto di Gazzetta ufficiale doveva concludersi il 31 dicembre del 2021. Una bella favola della buona notte per i creduloni perché di sicuro i governanti che hanno trovato il modo per prolungarlo fino al 31 marzo 2022 o addirittura più in là. Non si capisce in base a quale emergenza e che parametri useranno per sovrastare tutte le leggi e nuovamente affievolire i diritti stabiliti dalla Carta Costituzionale. La questione green pass, metodo di coercizione per eccellenza, introdotto su una base “scientifica”, che non ci è stato ancora concesso di conoscere anzi pericoloso pure, visto che i vaccinati che si sentono privilegiati e girano ovunque e si riuniscono anche in ambienti chiusi senza alcuna precauzione, non sono immuni e la percentuale di protezione scende a livelli inferiori rispetto a quelli inizialmente prospettati con la probabilità di alimentare continuamente la fascia degli infetti. Dagli ospedali arrivano continuamente informazioni di vaccinati risultati positivi per non parlare poi dei sempre più numerosi vaccinati con effetti aversi medio gravi ma quelli non contano perché… c’è lo scudo penale ed è stato firmato il consenso informato. Chiaro ? Cosa ne faranno poi di questo Green pass? Lo toglieranno? Eh no, perché se la matematica non è un’opinione togliendo il green pass si ritroverebbe con i 10 milioni di non vaccinati in più con altri 20/25 milioni di italiani senza certificazione vaccinale verde, niente lavoro ristoranti in comoda seduta e teatro disposti uno si uno no, succederebbe il finimondo, quindi, i geniali superpagati delle varie commissioni delle quali non è ancora chiaro nel “interesse” di chi stiano lavorando, poi i burocrati del CTS, lo Speranza stesso non ha specializzazioni mediche. Metterà il Green pass fino al 1 giugno 2022. Cosi per sfizio, e perché no? L’indotto potrebbe anche per aumentare introiti di case farmaceutiche, di aziende produttrici di presidi sanitari, quotazioni in borsa delle medesime, potrebbe favorire l’ampliamento di sistemi intercambiabili di controllo dei dati personali, favorire qualche piccolo “interesse” quale là, 

Come potrebbe verificarsi lo scenario? 

Sullo stato di emergenza sembra abbiano già deciso ma aspetteranno la metà mese di novembre per ufficializzare la notizia …. a modo di Buon natale a Tutti i meri spettatori “cretini”; la prima dose sembra gli interessi meno, ora devono puntare sulle 40 milioni di terze dosi.  E’ una via dalla quale non si torna indietro…ora ci confonderanno e focalizzeranno l’attenzione con la terza dose perché ci sono circa 10 milioni di persone che non hanno fatto il vaccino…poi aggiungi anche la minaccia di covid sotto i 12 anni che non regge perché per fortuna sembra che non ci sono morti in quella fascia di età.

Le previsioni: le manifestazioni continueranno. Sembra sia finita la possibilità di manifestare a Trieste…la città è contro e così le categorie!!! Domani I contagi supereranno i 5000 e diranno che sono i giovanissimi i colpevoli e il prossimo lunedì 9 novembre attueranno una nuova stretta. 

I positivi sono destinati a salire fino a 8.000 casi al giorno ai primi di dicembre. Non potranno più inseguire chi non ha fatto la prima dose perché dovranno inseguire quelli che non vogliono fare la terza …e tra le migliaia di nuovi positivi ci sarà almeno un 50 % di quelli che hanno fatto le due dosi o una dose…insomma a Natale si scatenerà un bel disastro sulla gestione del green pass.

L”83,3% di vaccinati e pensare che l’obbiettivo iniziale di Speranza company  era il 70%. Faremo forse come neln2020? La libertà sarà rimandata finché si arriverà a qualsiasi altra cifra ( cit. Gen. Delle stato d’emergenza ). Ma questa famosa “cifra” che tetto ha? I parametri in percentuali o numeri  che decidono quando c’è emergenza e quando no, quali sono?   Quale è il reale obiettivo di questi “inviti” ad oltranza? Perché chi non è vaccinato per scelta o per problematiche sanitarie pregresse che destano individuale preoccupazione, viene discriminato, trattato come un delatore, come un delinquente, come un essere di seconda scelta nella società, isolato anche fra le mura domestiche, ingiuriato, etichettato con dispregiativi ambigui sia dai media sia dagli stessi concittadini che fino a ieri erano amici, parenti, familiari?  Visto che non può essere obbligatoria  la vaccinazione viene imposto un esame sanitario chiamatosi tampone, per il quale non ce bisogno di consenso,  per potersi mantenere qualche diritto costituzionale tra i più importanti e il lavoro che “dovrebbe”  essere garantito dal primo articolo della Costituzione; ma l’intento forse non è solo quello di tracciamento epidemico e di censimento e registro vaccinati da” consegnare alle case farmaceutiche e facilitare il monitoraggio addizionale, ma di coercizione indiretta ad effettuare una cosa  che altrimenti non è possibile imporre. 

La rana nell’acqua tiepida ci stava benino, poi l’acqua divenne calda, poi bollente e poi la rana perse il suo entusiasmo iniziale e non si senti più una privilegiata e senza accorgersene divenne un ottimo pasto. 

Bichis Costinela

Buon tutto a tutti dalle previsioni per i vivi nel giorno dei morti.

2 novembre 2021

(Visited 1 times, 1 visits today)